Tattoo Artist

LUIGI MARCHINI: OLTRE 40 PREMI ITALIANI ED EUROPEI VINTI
NELLE CATEGORIE ‘BEST TRIBAL’ E ‘BEST IN BLACK’

Classe 1972, Luigi Marchini si conferma uno dei più importanti tatuatori d’Italia specialista in tattoo maori e arti polinesiane. Appassionatosi sin da giovane allo stile tribale e polinesiano, ha approfondito gli studi e le simbologie sui pochi libri del tempo in lingua francese. Dopo il primo studio aperto nel 2004 e gli oltre 40 premi italiani e europei vinti nelle categorie ‘Best Tribal’ e ‘Best in Black’, nel 2017 ha inaugurato Hive Tattoo Art Gallery, un polo d’avanguardia fondato a Milano insieme al suo socio Andrea Lanzi. Lo studio, dove evolversi e sperimentare, tra i più grandi d’Italia ed ospita nei suoi 250 mq di superficie ben otto postazioni tattoo, una piercing lounge in collaborazione con Wildcat, un laboratorio artistico e un corner espositivo dedicato ai gioielli Nove25 – con una nuova linea creata in esclusiva per Hive – e al merchandising dello studio con le t-shirt disegnate dall’artista americano Tony Ciavarro.

In Italia il 12,8% della popolazione è tatuata, soprattutto gli adulti dai 18 ai 44 anni, in linea con la media europea. Tra i tatuaggi tribali e polinesiani, scelti soprattutto dagli uomini, spiccano i disegni maori, la cui storia e i cui significati simbolici sono strettamente legati alle origini e alle credenze del popolo. I tatuaggi maori costituiscono infatti un vero e proprio rito sacro che segna il passaggio dall’infanzia all’età adulta e porta con sé un grande valore di appartenenza.

Nel corso degli anni Luigi Marchini si è distinto per ricerca, alta professionalità – sia dal punto di vista estetico che igienico sanitario – e la capacità di offrire ai propri clienti la migliore esperienza possibile. «Il tatuaggio è una forma d’espressione del corpo; è arte sulla pelle, con le sue regole e i suoi codici», afferma Marchini. «Solo un tatuatore professionista può garantire qualità del risultato e consulenza specializzata, capire le esigenze del cliente e scoraggiare richieste inopportune anche se, per fortuna, oggi la gente ha le idee più chiare: ha imparato a conoscere anche la simbologia dei disegni ed è in grado di orientarsi tra gli stili».

Luigi Marchini è riconosciuto a pieno titolo tra i maestri dello stile polinesiano e tribale grazie al suo segno grafico preciso, quasi chirurgico. Il suo stile non passa mai di moda anzi, costituisce un punto di riferimento costante al di là di ogni tendenza.

Non è un caso che la clientela di Luigi Marchini sia ampia e variegata e comprenda anche vari personaggi del mondo dello spettacolo come la showgirl Paola Barale. I tatuaggi tribali e polinesiani infatti possono essere anche molto femminili e sexy, adatti al corpo di ogni donna. Questo stile racconta di spiritualità, coraggio e forza e porta con sé un grande significato positivo, che nasce direttamente dalla tradizione del territorio a cui è da sempre legato.

  • Socio A.R.T. (associazionetatuatori.it)
Maori
0%
Polinesiano
0%
Marchesano
0%
Tribale
0%
ScriviciScrivici